think turns

considera la possibilità di una svolta

Heinz Stucke: il giro del mondo in bicicletta

| 0 commenti

Leggo stasera su Repubblica questa notizia.
Heinz Stucke era in giro per il mondo in bicicletta dal 1960.
Sono 46 anni passati con il mondo addosso, vivendo luoghi come nessun altro potrà dire di aver vissuto.
MI colpisce molto la notizia.
Perché ho incontrato Heinz Stucke nell’estate del 2000 ad Avignone.
Era fermo con la sua bicicletta, nera con le scritte dei suoi viaggi. Fermo su un marciapiede, in una giornata di sole; alla gente che si fermava, incuriosita da quei tragitti disegnati sul telaio, raccontava un poco della sua storia. Vendeva un fascicoletto: il racconto dei suoi viaggi.
Abbiamo parlato con lui pochi minuti, e con parole semplici in una lingua intermedia tra la sua e la nostra, ci ha spiegato un poco della sua vita.
Conservo ancora quel suio libro, ogni tanto mi capita di sfogliare incuriosito quelle pagine, guardare le sue foto.
Il mondo addosso, senza filtri, senza barriere.

Lascia un commento