think turns

considera la possibilità di una svolta

22 luglio 2016
di turns
0 commenti

“Failure is progress and a normal part of the process. Whether it’s science or life, you have to start, fail and just keep pushing. In a football game, time runs out, and a golf match ends after the last hole. But when you are working on something and it doesn’t work, you just extend the game – and give your experiment or your prototype another go.”

18 novembre 2015
di turns
0 commenti


Troverete i vostri dilemmi etici in ogni parte delle vostre vite, sia personali che professionali. Abbiamo tutti desideri e bisogni diversi, ma se non scopriamo cosa vogliamo da noi stessi e per cosa combattiamo, vivremo passivamente e insoddisfatti. Presto o tardi, a tutti noi viene chiesto di compromettere noi stessi e le cose che ci importano. Definiamo noi stessi attraverso le nostre azioni. Con ciascuna decisione, raccontiamo chi siamo a noi stessi e al mondo. Pensate a cosa volete da questa vita, e siate consapevoli che ci sono molti tipi di successo. Molti di voi faranno legge, altri economia, altri medicina, o altri lavori, e potete aspettarvi quel tipo di stipendio di partenza che, con un po’ di fortuna, vi permetterà di pagare i vostri debiti d’iscrizione nell’arco di questa vita. Ma avere una carriera invidiabile è un conto, ed essere felici è un altro.
Realizzare una vita che rifletta i vostri valori e soddisfi la vostra anima è un risultato raro. In una cultura che promuove incessantemente l’avarizia e l’eccesso come esempi positivi, una persona felice di fare il suo lavoro è generalmente considerata eccentrica, se non sovversiva del tutto. L’ambizione è compresa soltanto se finalizzata a raggiungere la cima di una qualche immaginaria scala del successo. Chi decide di fare un lavoro meno impegnativo, perché gli permette di seguire altri interessi e attività, è considerato un tirapacchi. Una persona che abbandona la sua carriera per stare a casa e crescere i figli è considerato uno non all’altezza delle sue potenzialità, come se un titolo professionale e uno stipendio fossero l’unica misura del valore umano.

Breve storia e celebrazione – per cultori e inesperti – di una delle strisce a fumetti più popolari e rimpiante di sempre, a 30 anni dall’uscita della prima

Sorgente: “Calvin & Hobbes” hanno trent’anni – Il Post

9 ottobre 2015
di turns
0 commenti

Il giorno che Bob Dylan suonò elettrico – Il Post

Il 25 luglio del 1965 Dylan iniziò al Newport Folk Festival la sua rivoluzione elettrica: non tutti la presero bene

Sorgente: Il giorno che Bob Dylan suonò elettrico – Il Post

30 luglio 2015
di turns
0 commenti

#dieci anni

quanto ci mettono a trascorrere dieci anni?
quanto li senti sulla pelle?

quando è cominciato avevo 27 anni.
cominciato?
think.turns.it – considera la possibilità di una svolta
30 luglio 2005
mille anni fa, per certi versi.
ma se mi volto sembra ieri.

oggi sono 37 gli anni
c’è ancora voglia di svoltare

29 luglio 2015
di turns
0 commenti

I 10 viaggi più green del 2014 (e del 2015) – Wired

Insoliti, curiosi, estremi, originali ma soprattutto a basso impatto ambientale. In bicicletta, canoa, a piedi, in Vespa, con i mezzi pubblici. Con anche le mete del nuovo anno

Sorgente: I 10 viaggi più green del 2014 (e del 2015) – Wired

28 luglio 2015
di turns
0 commenti

Te la ricordi la blogosfera? | Rivista Studio

È una bella giornata di metà giugno e fa caldo. Non troppo, per la verità, perché quest’anno abbiamo un meteo particolarmente instabile, che alterna il caldo afoso a un freddo autunnale. Si […]

Sorgente: Te la ricordi la blogosfera? | Rivista Studio

7 luglio 2015
di turns
0 commenti

Rinascimento

era un disco dei Transcendental, 1998, sembrano millenni fa. In qualche misura lo sono. Ci sono di mezzo l’esplosione di internet, le torri, faccialibro, un mondiale vinto, la crisi….
nel 98 avevo 20 anni tondi. forse non avevo altro.
tutta la vita davanti, si dice.
ascoltavo musica contaminata.

ora? cerco lo stesso rinascimento: contaminato, forse più compromesso, ma rinascimento!
reload.

Contro i luoghi comuni sull’Africa – Internazionale

7 luglio 2015 di turns | 0 commenti

http://intern.az/1oAI

“Se dico Africa a cosa pensate?”. Abbasso gli stereotipi occidentali sul continente.

Sorgente: Contro i luoghi comuni sull’Africa – Internazionale

Un fotografo giapponese in tre anni ha ripercorso e raccontato i paesi descritti nel “Milione”: le sue foto sono esposte a Torino

Sorgente: Il viaggio di Marco Polo 700 anni dopo – Il Post

10 giugno 2015
di turns
0 commenti

The Work of Edward Tufte and Graphics Press

Edward Tufte home page for books, posters, sculpture, fine art and one-day course: Presenting Data and Information

Sorgente: The Work of Edward Tufte and Graphics Press

10 giugno 2015
di turns
0 commenti

Charles Joseph Minard – Wikipedia, the free encyclopedia

Sorgente: Charles Joseph Minard – Wikipedia, the free encyclopedia

10 giugno 2015
di turns
0 commenti

Ci siamo sbagliati sul logo di Hillary? – Il Post

Molti l’avevano definito brutto e banale, ma ora che è in giro da qualche mese il sito Quartz spiega perché “in realtà è perfetto”

Sorgente: Ci siamo sbagliati sul logo di Hillary? – Il Post

2 giugno 2015
di turns
0 commenti

«A Roma, in qualsiasi posto tu vada per farti riparare qualsiasi cosa, scuotono la testa e dicono che non si può riparare. Quindi, a Roma, tutto ciò che si rompe, resterà rotto per sempre».

Sorgente: Quel che si rompe a Roma – Il Post

31 maggio 2015
di turns
0 commenti

#30. Taking selfies in the twenties. – 33 Rarely Seen Historical Photos… What On Earth Was Nancy Reagan Thinking?

Each of us are the centers of our own universe. However, if you take a minute and consider the fact that millions of people came before, and millions of people will come after you, suddenly, your universe is enormous, and you might actually feel quite small. Don’t think about it too much – it might freak you out. History forces people to examine themselves in that way, and that’s what makes it so interesting. These 33 historical photographs are certainly compelling, but what we’re grateful for is the fact that encourage us to think about our lives in a totally different way – all of our little pictures are all part of one enormous picture **- #29 might still influence you today.

Sorgente: #30. Taking selfies in the twenties. – 33 Rarely Seen Historical Photos… What On Earth Was Nancy Reagan Thinking?

30 maggio 2015
di turns
0 commenti

Keyless Signature Infrastructure – e-Estonia

The Digital Society

Sorgente: Keyless Signature Infrastructure – e-Estonia

30 maggio 2015
di turns
0 commenti

Changing New York: Berenice Abbott’s Stunning Black-and-White Photos from the 1930s | Brain Pickings

A breathtaking time-capsule of this ageless, ever-changing city. New York City loves its streets, loves its dogs, loves its heat waves, l

Sorgente: Changing New York: Berenice Abbott’s Stunning Black-and-White Photos from the 1930s | Brain Pickings

Telegram ha raggiunto i 62 milioni di utenti e 2 miliardi di messaggi. Il progetto di Pavel Durov, lo Zuckerberg di Russia, comincia a fare paura a Whatsapp

Sorgente: La rivoluzione silenziosa dellanarchico di Telegram

10 gennaio 2015
di turns
0 commenti

The new Cluetrain Manifesto

Scopro oggi l’uscita del nuovo cluetrain Manifesto, nuovo proclama agli internauti, dopo l’originale del 1999.
Da leggere qui: Cluetrain: The listicle..

3 novembre 2013
di turns
0 commenti

P.P.P.

Io sono una forza del Passato.
Solo nella tradizione è il mio amore.
Vengo dai ruderi, dalle Chiese,
dalle pale d’altare, dai borghi
dimenticati sugli Appennini o le Prealpi,
dove sono vissuti i fratelli.
Giro per la Tuscolana come un pazzo,
per l’Appia come un cane senza padrone.
O guardo i crepuscoli, le mattine
su Roma, sulla Ciociaria, sul mondo,
come i primi atti della Dopostoria,
cui io sussisto, per privilegio d’anagrafe,
dall’orlo estremo di qualche età
sepolta. Mostruoso è chi è nato
dalle viscere di una donna morta.
E io, feto adulto, mi aggiro
più moderno d’ogni moderno
a cercare i fratelli che non sono più

3 luglio 2013
di turns
0 commenti

Internazionale » Ferrari » L’azienda ai dipendenti: Troppe mail, parlatevi di più

Internazionale » Ferrari » L’azienda ai dipendenti: Troppe mail, parlatevi di più.

Milano, 3 lug. (TMNews) – Parlate di più coi colleghi e scrivetevi meno mail. E’ l’indicazione che la Ferrari darà da oggi a tutti i suoi dipendenti.

“Per incentivare una comunicazione più efficace e diretta – si legge sul sito della Casa di Maranello – è stato deciso di limitare fortemente il numero delle email inviate. In particolare ogni dipendente Ferrari potrà inviare la stessa mail internamente solo a tre persone. L’utilizzo improprio della posta elettronica con decine di destinatari per email su argomenti che spesso non li riguardano è una delle principali cause di inefficienze e perdita di tempo nella vita lavorativa quotidiana nelle aziende”.

Ferrari ha deciso di risolvere il problema dando un’indicazione semplice e chiara: “parlatevi di più e scrivete di meno”.

29 giugno 2013
di turns
0 commenti

Internet trends

23 giugno 2013
di turns
0 commenti

Opistodomo

Lo spazio posto dietro la cella, nel tempio greco. La sua presenza si giustifica più che per motivi funzionali, per creare la perfezione che nasce dalla simmetria: l’opistodomo crea simmetria rispetto al pronao, il vano racchiuso dalle ante, dal quale si accede al naos, l’ambiente interno del tempio.

15 giugno 2013
di turns
0 commenti

Ettore Majorana

Ettore Majorana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“…la scomparsa misteriosa e unica di Majorana…”

 

Il confronto con certe vite eccezionali mette i brividi.
La vita di Majorana, un esempio...